Home Blog

MIX ENERGETICO: LA CHIAVE PER IL FUTURO SOSTENIBILE

INTRODUZIONE AL CONCETTO DI MIX ENERGETICO

Il termine “mix energetico” si riferisce alla combinazione di diverse fonti di energia utilizzate per soddisfare le esigenze energetiche di una regione, nazione o comunità. Questo concetto è fondamentale nella transizione verso un futuro energetico più sostenibile, in particolare in contesti come l’Italia e l’Europa, dove la diversificazione delle fonti energetiche e la riduzione della dipendenza dai combustibili fossili sono priorità chiare e presenti.

In questo articolo, esploreremo le dinamiche, le sfide e le opportunità del mix energetico, con un focus particolare sulle fonti rinnovabili.

Tempo di lettura: 3 min.

 

Sommario:

  1. Il panorama energetico in Italia e Europa
  2. Com’è composto il mix energetico in Italia e in Europa
  3. Le sfide del passaggio a fonti rinnovabili
  4. Rinnovabili e mix energetico
  5. Il contributo della fusione nucleare
  6. Il ruolo delle tecnologie emergenti
  7. Strategie e politiche di supporto
  8. Conclusioni e prospettive future

 

1. Il panorama energetico in Italia e Europa

L’Italia e l’Europa stanno affrontando una significativa trasformazione del loro panorama energetico, spostandosi gradualmente dai tradizionali combustibili fossili verso un ampio spettro di fonti rinnovabili. Questo cambiamento è guidato dalla necessità di ridurre le emissioni di gas serra, garantire la sicurezza energetica e soddisfare gli impegni internazionali sul cambiamento climatico. Il mix energetico in queste regioni sta diventando sempre più ricco di varietà, includendo energia solare, eolica, idroelettrica, biomassa e geotermica.

2. Com’è composto il mix energetico in Italia e in Europa

In Italia, il mix energetico è ancora fortemente dipendente dalle fonti fossili, con il gas naturale che rappresenta la principale fonte di energia (circa 40% nel 2022). Tuttavia, negli ultimi anni si è registrata una crescita significativa delle fonti rinnovabili, che nel 2022 hanno raggiunto il 37% del mix energetico nazionale.

L’Unione Europea ha invece adottato un obiettivo più ambizioso: raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario decarbonizzare il mix energetico europeo, aumentando la quota di fonti rinnovabili e riducendo drasticamente l’utilizzo di combustibili fossili.

 

3. Le sfide del passaggio a fonti rinnovabili

Nonostante i numerosi vantaggi, il passaggio a un mix energetico dominato dalle rinnovabili presenta sfide significative. Queste includono la variabilità delle fonti come il solare e l’eolico, che richiedono soluzioni di storage energetico avanzate e reti intelligenti per garantire una fornitura costante. Inoltre, l’infrastruttura esistente deve essere adattata o sostituita per accomodare le nuove tecnologie energetiche.

 

4. Rinnovabili e mix energetico

Le diverse fonti rinnovabili di energia non sono tutte uguali e hanno ruoli differenti nel mix energetico. Alcune sono più adatte per la produzione di energia elettrica, mentre altre sono più adatte per il riscaldamento o per i trasporti.

  • Eolico e solare: queste due fonti sono le più utilizzate per la produzione di energia elettrica. L’energia eolica è prodotta dal vento, mentre l’energia solare è prodotta dal sole. Entrambe sono tecnologie pulite e sostenibili che non producono emissioni di gas serra. Entrambe le fonti sono intermittenti, quindi non sono sempre disponibili. Tuttavia, la loro complementarità può aiutare a compensare questa intermittenza. L’eolico è più efficiente durante i mesi invernali, mentre il solare è più efficiente durante i mesi estivi. [fonte: Global Wind Report 2023].
  • Agrivoltaico: rappresenta una soluzione innovativa che coniuga la produzione di energia pulita con la coltivazione agricola. Impianti fotovoltaici installati su terreni agricoli sfruttano la luce solare per generare elettricità, senza compromettere l’attività agricola sottostante. Anzi, in alcuni casi, l’ombreggiamento creato dai pannelli può addirittura migliorare le condizioni di crescita delle colture. [fonte: IEA Photovoltaic Power Systems Programme]
  • Idroelettrico: questa fonte è una delle più antiche e affidabili fonti di energia rinnovabile. L’energia idroelettrica è prodotta dall’acqua in movimento. È una fonte stabile e non intermittente, il che la rende ideale per la produzione di base di energia elettrica. [fonte: IEA Hydropower]
  • Geotermica: questa fonte è prodotta dal calore della terra. Può essere utilizzata per la produzione di energia elettrica, per il riscaldamento e per i raffrescamenti. È una fonte stabile e non intermittente, ma il suo potenziale è limitato alle aree con un alto flusso di calore geotermico. [fonte: “Geotermia e bassa entalpia e decarbonizzazione”]
  • Biomasse: questa fonte è prodotta da materiale organico, come ad esempio legno, colture agricole e rifiuti urbani. Può essere utilizzata per la produzione di energia elettrica, per il riscaldamento e per i trasporti. È una fonte rinnovabile, ma la sua combustione può generare emissioni inquinanti. [fonte: “Lo stato generale delle biomasse nel 2023”]

Quindi le diverse fonti rinnovabili di energia possono giocare un ruolo complementare nel mix energetico. La scelta di una o più fonti dipende da diversi fattori, come ad esempio la disponibilità di risorse, le esigenze energetiche e gli obiettivi di decarbonizzazione. Lo sviluppo di tecnologie innovative per l’accumulo di energia e la gestione delle reti intelligenti può aiutare a rendere il mix energetico più efficiente e flessibile.

 

The Future of Energy: An Overview: World Economic Forum

 

5. Il contributo della fusione nucleare

La fusione nucleare è un processo che promette di rivoluzionare il mix energetico globale. Si tratta di una reazione che combina due nuclei atomici leggeri, come quelli dell’idrogeno, per formarne uno più pesante, rilasciando una grande quantità di energia sotto forma di calore e luce. Attualmente, la fusione nucleare non è ancora utilizzata per la produzione commerciale di energia. Tuttavia, la ricerca e lo sviluppo in questo campo stanno accelerando e ci sono buone probabilità che la fusione nucleare possa giocare un ruolo importante nel mix energetico del futuro. Negli ultimi anni, ci sono stati notevoli progressi nella ricerca sulla fusione nucleare. [fonte: “Bezos, il re di Amazon, investe nella fusione nucleare”]

 

6. Il ruolo delle tecnologie emergenti

Le tecnologie emergenti giocano un ruolo cruciale nel superare queste sfide. Ad esempio, l’accumulo di energia tramite batterie di nuova generazione e l’uso dell’idrogeno come vettore energetico stanno guadagnando terreno. Queste tecnologie non solo facilitano l’integrazione delle fonti rinnovabili nel mix energetico ma aprono anche la strada a nuove opportunità di decarbonizzazione in settori difficili da elettrificare, come il trasporto pesante e l’industria.

 

7. Strategie e politiche di supporto

Per accelerare la transizione verso un mix energetico sostenibile, l’Italia e l’Europa stanno implementando una serie di strategie e politiche. Queste includono incentivi per l’energia rinnovabile, tassazione del carbonio, normative sulla efficienza energetica e investimenti in ricerca e sviluppo. Questi strumenti politici sono essenziali per guidare gli investimenti nel settore energetico verso soluzioni più pulite e sostenibili.

 

8. Sfide e opportunità

La transizione verso un mix energetico più sostenibile rappresenta una sfida complessa, ma anche un’importante opportunità. Le principali sfide da affrontare includono:

  • Investimenti: è necessario investire in infrastrutture per la produzione e l’utilizzo di energia rinnovabile.
  • Ricerca e sviluppo: è necessario continuare a sviluppare tecnologie per le energie rinnovabili più efficienti e convenienti.
  • Politiche energetiche: è necessario attuare politiche energetiche che favoriscano la diffusione delle fonti rinnovabili.

Il mix energetico è un elemento chiave per la costruzione di un futuro più sostenibile. L’aumento della quota di fonti rinnovabili nel mix energetico può contribuire a ridurre le emissioni di gas serra, aumentare la sicurezza energetica e stimolare lo sviluppo economico.

Elezioni presidenziali USA 2024: quali prospettive per l’ambiente?

Il 5 novembre 2024, data in cui si terranno le presidenziali negli Stati Uniti, è ancora lontana, ma la sfida tra i due principali candidati, il presidente Joe Biden e l’ex presidente, il repubblicano Donald Trump, è già entrata nel vivo e lo sarà ancora di più nelle prossime settimane e nei prossimi mesi. Gli americani (e il resto del mondo) vivono con il fiato sospeso una contesa elettorale tra idee quasi sempre agli antipodi, che però influenzerà pesantemente, in patria e all’estero, le politiche per i successivi quattro anni.

Il Clima: promesse e risultati di Biden

Tra gli argomenti su cui si esprimono le maggiori differenze, vi è senza dubbio l’ambiente, non solo in termini di approccio di governo ai temi climatici, ma anche e soprattutto di esistenza o meno di una “questione climatica”.  Sin dalla campagna elettorale del 2020, che lo ha portato alla presidenza, Joe Biden ha infatti contraddistinto il proprio programma elettorale per una forte impronta ambientalista. Tra i punti cardine vi era il rientro negli accordi di Parigi (ratificato da Obama nel 2015 ma da cui Trump era uscito nel 2019), il raggiungimento di zero emissioni nel 2050, il divieto di nuovi contratti per l’estrazione di petrolio e gas su suolo pubblico e due trilioni di dollari di investimenti in economia verde. Se resta vero il motto dell’ex governatore di New York Mario Cuomo, che ebbe a dire “Le campagne elettorali si fanno con la poesia, ma per governare serve la prosa”, è anche vero che la presidenza Biden, nonostante un Congresso non sempre accomodante, ha dimostrato di aver mantenuto, almeno in parte, le promesse fatte. Appena eletto rientrò nell’accordo di Parigi, mentre con l’Inflation Reduction Act, la più importante legge sul clima della storia americana, sono stati stanziati 374 miliardi di dollari di finanziamenti per sgravi fiscali per auto elettriche, produzione di energia da fonti rinnovabili e riconversioni di impianti inquinanti, con l’obiettivo di ridurre del 40 per cento rispetto al 2005 le emissioni di gas serra entro il 2030 (BBC; euronews; il Post).

Quale clima?! La posizione di Trump

Il suo avversario, Donald Trump è, da sempre, molto scettico verso il cambiamento climatico, e determinato ad incrementare gli investimenti in combustibili fossili, attraverso le estrazioni minerarie (ha rispolverato il vecchio slogan repubblicano “drill, baby, drill”), con il pieno supporto delle aziende settore. Sostiene infatti che la regolamentazione in questo settore abbia solo costi e non benefici, e che la trasformazione climatica non sia il risultato dell’azione umana. Il repubblicano, come abbiamo già avuto modo di dire, aveva inoltre ritirato gli USA dall’accordo di Parigi, che puntava a mantenere l’aumento medio della temperatura mondiale al di sotto dei 2 °C rispetto ai suoi livelli nell’epoca preindustriale, affermando che il trattato avrebbe danneggiato l’economia degli Stati Uniti, definendolo ingiusto. Rimane celebre la sua affermazione in occasione di un comizio in Alaska nel 2022 quando dichiarò che “non c’è da preoccuparsi” perché, se gli oceani si alzeranno lo “scenario peggiore sarà che avremo un po’ più di proprietà con vista mare”. (BBC; Rai News).

Quale scenario?

Questa polarizzazione dei candidati si riflette nella società americana, divisa tra chi ritiene l’ambiente un bene da proteggere, approfittando delle sue caratteristiche per trasformarlo in una fonte di energia pulita, e chi invece preferisce tutelare grandi multinazionali, che certo danno occupazione (e finanziamenti elettorali), ma il cui sfruttamento del territorio va a danno del nostro pianeta, quindi di tutti noi, e delle future generazioni.

Gestione dell’acqua e siccità in Europa nel 2024: una sfida cruciale

L’Europa nel 2024 si trova a fronteggiare gli effetti significativi della siccità, come sottolineato dall’Atlante del rischio siccità del Jrc (il servizio per la scienza e la conoscenza) della Commissione europea. Questo documento evidenzia come la scarsità d’acqua stia diventando una vulnerabilità critica per l’Unione Europea, con impatti rilevanti su settori come l’agricoltura, l’energia, il trasporto fluviale e le forniture di acqua.

Nuovi rischi per l’acqua

L’Atlante europeo del rischio siccità ha individuato aree a rischio elevato in cinque settori chiave: agricoltura, energia, trasporto fluviale, forniture di acqua ed ecosistemi naturali. Questo strumento fornisce una visione dettagliata dei rischi attuali e delle prospettive future legate ai cambiamenti climatici, permettendo così di pianificare interventi mirati. In risposta a queste sfide, la Commissione europea, in collaborazione con gli scienziati del Jrc e i partner di Edora, sta sviluppando due strumenti fondamentali: il Database europeo degli impatti della siccità, che raccoglie dati dal 1977 al 2022, e l’Atlante europeo del rischio siccità, lanciato nell’ottobre precedente. Questi strumenti rappresentano passi importanti nella comprensione e nel contrasto degli effetti della siccità in Europa. L’obiettivo 6 dell’Agenda ONU 2030 sottolinea l’importanza di garantire a tutti l’accesso all’acqua e una sua gestione sostenibile. Questo obiettivo risulta essere fondamentale nel contesto della crescente scarsità idrica e delle sfide ambientali globali.

Strategie per la Rete Idrica Italiana

In Italia, le soluzioni per una gestione più sostenibile dell’acqua includono la riduzione dell’uso di acqua dolce potabile in attività che potrebbero impiegare acqua non potabile, l’aumento del riciclo e del riuso dell’acqua e delle acque reflue, e la riduzione della produzione di acqua di scarico e di rifiuti nel ciclo completo dell’acqua. Queste strategie sono cruciali per affrontare sia la siccità sia le esigenze di un utilizzo più efficiente delle risorse idriche. Nel 2024, la gestione della rete idrica italiana si confronta con la sfida crescente della siccità e della dispersione idrica, affrontando la necessità di soluzioni innovative e sostenibili.

Riduzione delle perdite e riutilizzo delle acque

Una percentuale significativa dell’acqua prelevata viene dispersa a causa di reti idriche obsolete e inefficienti. Questa dispersione idrica raggiunge in media il 47,6%, con punte maggiori nel Sud Italia. Per contrastare questo spreco, vi sono iniziative come il riutilizzo delle acque reflue urbane per l’agricoltura, un approccio che potrebbe mettere in circolo una quantità significativa di acqua utile. Attualmente, solo il 5% delle acque in uscita dai depuratori viene utilizzato, evidenziando un grande potenziale inespresso. Le tecnologie digitali e l’intelligenza artificiale giocano un ruolo cruciale nella gestione dell’acqua. I contatori digitali e i sistemi di analisi dei dati permettono un monitoraggio più accurato del consumo e delle perdite di acqua. L’uso di dispositivi IoT, come la tecnologia LoRaWAN, e l’analisi dei dati attraverso deep learning e machine learning, sono strumenti efficaci per prevedere i consumi futuri e identificare le perdite. Questi approcci tecnologici non solo migliorano la gestione dell’acqua, ma contribuiscono anche a ridurre i costi per gli utenti.

In futuro

Il 2024 segna un punto di svolta nella lotta contro la siccità e nella gestione sostenibile dell’acqua in Europa. Con gli impatti crescenti della siccità su settori vitali e con l’urgenza di rispondere a sfide ambientali in continuo cambiamento, l’adozione di strategie innovative e sostenibili diventa sempre più indispensabile. La collaborazione a livello europeo e le politiche nazionali devono convergere per garantire un futuro in cui l’acqua, risorsa vitale, sia gestita in modo efficace ed equo.

COP28: il cambiamento di paradigma per le aziende nelle rinnovabili

La Conferenza delle Parti (COP28) rappresenta un momento cruciale nel dialogo globale sul cambiamento climatico. Quest’anno, l’attenzione si concentra sulle implicazioni per il settore aziendale, specialmente nel campo delle energie rinnovabili. Secondo fonti europee come l’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) e il Consiglio Europeo per le Energie Rinnovabili (EREC), COP28 è destinata a stimolare un’accelerazione senza precedenti verso l’adozione di energie sostenibili. Le aziende sono chiamate a riconsiderare le loro strategie, in un contesto in cui l’innovazione tecnologica e la sostenibilità diventano non solo imperativi etici ma anche economici.

Sviluppo sostenibile e innovazioni tecnologiche

Il focus di COP28 sullo sviluppo sostenibile offre alle aziende nuove prospettive e sfide. Il ruolo vitale dello sviluppo sostenibile e delle innovazioni tecnologiche è un aspetto centrale per COP28, nell’evoluzione aziendale nel settore delle energie rinnovabili. In tale contesto, Le aziende sono costrette a navigare in un panorama in rapida evoluzione, caratterizzato da una crescente domanda di soluzioni sostenibili e da un contesto normativo in continua evoluzione.

La transizione verso energie pulite non è più un’opzione, ma una necessità. Questo passaggio richiede un cambio di mentalità: le aziende devono considerare l’innovazione non solo come un mezzo per creare prodotti e servizi nuovi, ma anche come un modo per ridurre l’impatto ambientale e incrementare l’efficienza energetica. L’investimento in ricerca e sviluppo diventa cruciale, con l’obiettivo di scoprire nuove tecnologie che possono ridurre i costi operativi e migliorare la sostenibilità.

Le fonti energetiche rinnovabili, come l’energia solare, eolica e idroelettrica, stanno rapidamente diventando più accessibili e convenienti. Questo cambiamento offre alle aziende l’opportunità di ridurre la loro dipendenza dai combustibili fossili e di posizionarsi come leader nel settore della sostenibilità. Inoltre, l’efficienza energetica e la gestione sostenibile delle risorse sono diventate aspettative chiave da parte dei consumatori, degli stakeholder e degli investitori. Adottare tali pratiche non solo migliora l’immagine aziendale, ma può anche portare a risparmi significativi a lungo termine.

In questo scenario, le aziende possono trarre vantaggio da un approccio olistico che integri l’innovazione tecnologica con la sostenibilità. Questo include l’adattamento dei modelli di business per incorporare pratiche sostenibili, la collaborazione con start-up e istituti di ricerca per lo sviluppo di tecnologie all’avanguardia e l’impegno in iniziative di responsabilità sociale d’impresa che promuovano un impatto ambientale positivo.

Il ruolo delle aziende nella COP28 non è solo quello di adattarsi alle nuove normative ambientali, ma anche di essere pionieri nell’innovazione tecnologica che guida verso uno sviluppo sostenibile. Attraverso un impegno proattivo in questo settore, le aziende possono non solo contribuire alla lotta contro il cambiamento climatico, ma anche cogliere nuove opportunità di mercato e rafforzare la loro posizione competitiva a livello globale.

Politiche ambientali e opportunità di mercato 

Le politiche emergenti sottolineate dalla COP28 incoraggiano le aziende a esplorare nuove modalità di operare nel rispetto dell’ambiente. Questo può includere l’investimento in fonti di energia rinnovabile, l’ottimizzazione dell’efficienza energetica e la partecipazione a iniziative di mercato del carbonio. Il Centro Comune di Ricerca della Commissione Europea  ha evidenziato come l’innovazione e l’adattamento in questi settori possano aprire nuove opportunità di mercato, oltre a favorire una crescita economica sostenibile.

Particolare enfasi è posta sulla responsabilità sociale d’impresa, come evidenziato in un report del World Business Council for Sustainable Development. Le aziende che integrano pratiche sostenibili nei loro modelli di business possono non solo conformarsi alle nuove normative, ma anche migliorare la loro immagine pubblica e la relazione con i consumatori.

Le prospettive per le aziende nel settore delle energie rinnovabili 

Il futuro delle aziende nel settore delle energie rinnovabili è intrinsecamente legato all’evoluzione delle politiche globali, ai progressi tecnologici e ai cambiamenti nei modelli di consumo. La COP28, con le sue linee guida e impegni, segna un punto di svolta significativo, ma è solo l’inizio di un percorso di trasformazione che vedrà le aziende protagoniste di una rivoluzione energetica e ambientale.

Innanzitutto, le innovazioni tecnologiche continueranno a svolgere un ruolo cruciale. La ricerca e lo sviluppo in tecnologie di energia rinnovabile stanno avanzando a ritmi senza precedenti. Secondo il World Energy Council, ci aspettiamo progressi significativi nell’efficienza delle celle solari, nelle turbine eoliche di nuova generazione e nelle tecnologie per lo stoccaggio dell’energia. Queste innovazioni non solo ridurranno i costi di produzione dell’energia rinnovabile, ma permetteranno anche una maggiore integrazione di queste fonti nelle reti elettriche esistenti.

Un altro aspetto fondamentale sarà l’adattabilità delle aziende ai cambiamenti del mercato. Con l’aumento della domanda di energia pulita e la pressione crescente per ridurre le emissioni di carbonio, le aziende dovranno essere agili e pronte a modificare le loro strategie operative. La transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio offrirà nuove opportunità di business, come evidenziato da un rapporto dell’Agenzia Internazionale per l’Energia.

La sostenibilità sarà un altro pilastro fondamentale. Non si tratterà solo di produrre energia in modo sostenibile, ma anche di operare in maniera responsabile a livello ambientale, sociale ed economico. Le aziende che eccelleranno in questo ambito potranno beneficiare di un’immagine di marca positiva, fedeltà dei consumatori e un vantaggio competitivo. Secondo la Global Reporting Initiative, le aziende che adottano pratiche di sostenibilità trasparenti e responsabili sono meglio posizionate per prosperare in un’economia globale sempre più consapevole delle questioni ambientali.

Inoltre, la collaborazione tra settori diversi e la creazione di sinergie tra aziende, governi e istituzioni sarà essenziale. Le partnership transnazionali e i progetti congiunti possono accelerare la diffusione delle tecnologie rinnovabili e massimizzare l’efficacia delle iniziative di sostenibilità. Un esempio è il crescente interesse nel settore dell’idrogeno verde, come riportato dall’International Renewable Energy Agency.

Il futuro delle energie rinnovabili sarà anche influenzato dalle dinamiche geopolitiche e dal quadro normativo internazionale. Le politiche energetiche nazionali e gli accordi internazionali, come quelli stipulati durante la COP28, continueranno a plasmare il mercato e a definire i percorsi di crescita per le aziende del settore.

Ecco perchè le prospettive per le aziende nel campo delle energie rinnovabili sono ricche di sfide, ma anche di enormi opportunità. L’industria delle energie rinnovabili è alla soglia di un’era di espansione e innovazione senza precedenti, guidata da un impegno globale verso un futuro più sostenibile e responsabile.

 

Il futuro delle energie rinnovabili in Italia

L’Italia, con la sua ricca storia e tradizioni, non ha mai mancato di fare la sua parte nel progredire verso un futuro sostenibile. Negli ultimi decenni, la nazione ha guadagnato riconoscimento per i suoi sforzi nel campo delle energie rinnovabili. Con il mondo intero che guarda alle sfide del cambiamento climatico, l’Italia emerge come un esempio in termini di adozione e promozione di fonti di energia pulita.

1. Obiettivi di decarbonizzazione e accordi internazionali

In risposta ai crescenti appelli internazionali per un’azione decisa contro i cambiamenti climatici, l’Italia ha firmato l’Accordo di Parigi con l’ambizione di ridurre significativamente le proprie emissioni di gas serra. Secondo una dettagliata analisi di Il Sole 24 Ore, l’obiettivo è quello di tagliare le emissioni di almeno il 40% entro il 2030 rispetto ai livelli del 19901. Questo impegno ha spinto l’intero paese a intraprendere iniziative audaci, con il governo che ha introdotto politiche e incentivi per spingere ulteriormente l’adozione di energie rinnovabili.

2. Crescita del Settore Solare

L’Italia, grazie alla sua posizione geografica favorevole, ha un immenso potenziale per sfruttare l’energia solare. Come sottolineato da ANSA, non solo l’Italia ha già una considerevole capacità solare installata, ma sta anche assistendo a una crescita esponenziale in questo settore2. Questo successo è il risultato di una combinazione di fattori: dalla generosa insolazione alla presenza di incentivi governativi, rendendo l’energia solare un’opzione allettante per molte famiglie e imprese.

3. Investimenti nel Settore Eolico

Oltre al solare, l’Italia sta anche intensificando i suoi sforzi nel settore eolico. Come riportato da La Repubblica, il paese sta sperimentando un afflusso di investimenti in nuovi parchi eolici e in tecnologie avanzate per rendere la produzione di energia eolica più efficiente3. Anche se geograficamente l’Italia non può competere con alcune delle regioni più ventose d’Europa, le innovazioni e le strategie adottate stanno garantendo che ogni turbina eolica installata produca al massimo delle sue potenzialità.

4. La sfida dell’integrazione energetica

Naturalmente, con l’aumento delle fonti di energia rinnovabile, sorgono nuove sfide. Una delle principali, come discusso dal Corriere della Sera, è l’integrazione di queste fonti intermittenti nel sistema energetico nazionale4. Ciò richiede la creazione e l’aggiornamento di infrastrutture, come reti di trasmissione e sistemi di stoccaggio, per assicurare che l’energia prodotta sia disponibile quando e dove è necessaria.

5. Opportunità di lavoro e formazione

L’espansione del settore delle energie rinnovabili non porta solo benefici ambientali, ma anche economici. Secondo una recente indagine pubblicata su Il Messaggero, si prevede che il boom delle rinnovabili crei migliaia di posti di lavoro5. Questa crescita, tuttavia, richiede personale adeguatamente formatizzato, spingendo istituti di formazione e università a offrire corsi e specializzazioni nel campo delle energie rinnovabili.

6. Visione a lungo termine e ambizioni future

L’Italia guarda avanti, con una visione chiara del suo futuro energetico. Forbes Italia ha rivelato che l’obiettivo nazionale è di raggiungere la neutralità del carbonio entro il 20506. Per raggiungere tale traguardo, sarà essenziale una transizione coordinata che coinvolga non solo la produzione di energia, ma anche la trasformazione delle infrastrutture e dei sistemi di trasporto.

7. La lentezza della burocrazia: un ostacolo da superare

Nonostante gli evidenti progressi nel settore delle energie rinnovabili, esistono ancora barriere che rallentano l’adozione a pieno regime di queste tecnologie. Una delle principali sfide è rappresentata dalla burocrazia italiana, spesso descritta come labirintica e ostica. Secondo una dettagliata analisi di Il Fatto Quotidiano, la lunghezza dei processi burocratici, in particolare per l’approvazione di nuovi progetti energetici, può rappresentare un deterrente per gli investitori e le aziende interessate a entrare nel settore1. Un esempio emblematico è il caso di “Beleolico”, un’importante iniziativa eolica off-shore che ha affrontato numerosi ostacoli burocratici nel suo percorso di realizzazione. Le procedure di autorizzazione, i permessi e la necessità di coordinarsi tra diversi enti governativi possono spesso tradursi in ritardi e costi aggiuntivi. Per garantire che l’Italia possa realizzare pienamente il suo potenziale nelle energie rinnovabili, sarà essenziale semplificare e rendere più efficienti questi processi burocratici, creando un ambiente più favorevole per gli investimenti e l’innovazione.

Nel complesso, l’Italia è sulla buona strada per consolidare il suo ruolo come leader nel panorama delle energie rinnovabili, combinando tradizione e innovazione per un futuro più verde.

L’ascesa dell’agrivoltaico in Italia: un nuovo orizzonte per l’agricoltura sostenibile

In un Paese dove l’agricoltura è radicata nella sua storia e cultura e dove il sole brilla generosamente per la maggior parte dell’anno, il settore dell’agrivoltaico si sta rapidamente ponendo all’attenzione pubblica. Questa combinazione di agricoltura e fotovoltaico promette un futuro luminoso per un Paese alla ricerca di soluzioni energetiche sostenibili e di pratiche agricole resilienti.

COSA E’ L’AGRIVOLTAICO?

L’agrivoltaico, o agrofotovoltaico, è una metodologia che prevede l’installazione di pannelli fotovoltaici a determinate altezze sopra i terreni agricoli. L’idea fondamentale è quella di sfruttare la stessa superficie per due scopi: produrre energia rinnovabile e coltivare alimenti o altre piante. La chiave del successo di questa pratica sta nel garantire che entrambe le attività siano ottimizzate e non in competizione tra loro. Quindi l’agro fotovoltaico, o agrivoltaico, è un sistema di produzione di energia rinnovabile che combina la coltivazione di terreni agricoli con la produzione di elettricità tramite pannelli solari. Si tratta di un approccio innovativo, che permette di sfruttare la stessa superficie di terreno per due scopi produttivi: la produzione agricola e quella energetica.

IL CONTESTO ITALIANO

L’Italia, con la sua ricca tradizione agricola e la crescente necessità di passare a fonti energetiche rinnovabili, appare come il terreno ideale per lo sviluppo dell’agrivoltaico. Diversi fattori stanno guidando l’espansione di questo settore nel Bel Paese.

Innanzitutto, l’orientamento politico: negli ultimi anni, l’Italia ha imposto target ambiziosi per ridurre le emissioni di carbonio e incrementare la quota di energie rinnovabili nel mix energetico. L’agrivoltaico, al crocevia tra produzione alimentare e energia pulita, risponde perfettamente a queste esigenze. Inoltre, l’innovazione tecnologica sta facilitando l’adozione di questa pratica. Nuovi sistemi di montaggio, pannelli fotovoltaici più efficienti e la digitalizzazione dell’agricoltura stanno permettendo una convivenza armoniosa tra colture e pannelli.

VANTAGGI E POTENZIALE

La sinergia tra fotovoltaico e agricoltura presenta diversi vantaggi, a partire dalla possibilità di rispondere a due esigenze fondamentali con un’unica soluzione: la produzione di cibo e di energia. Questa duplice funzione può aumentare la redditività del terreno, offrendo agli agricoltori una nuova fonte di guadagno attraverso la vendita dell’energia prodotta.

In più i pannelli fotovoltaici possono offrire una protezione alle colture sottostanti, riducendo l’evaporazione dell’acqua e proteggendo le piante da eventi climatici estremi, come grandinate o eccessiva insolazione.

TIPI DI IMPIANTI AGRIVOLTAICI

Le tecnologie agrivoltaiche fondono in modo innovativo l’agricoltura con la generazione di energia verde. Tra le principali figurano le serre solari, gli impianti terrestri e i complessi agrivoltaici.

  • Le serre solari fondono l’agricoltura con la generazione di energia solare. Con l’uso di pannelli semi-trasparenti, consentono la crescita delle piante al di sotto, assicurando simultaneamente una produzione energetica.
  • Gli impianti terrestri sono tra le configurazioni fotovoltaiche più comuni nell’ambito agrivoltaico. Installati direttamente a livello del suolo, si armonizzano con varie attività agricole, come l’allevamento o la crescita di vegetali tolleranti all’ombra, valorizzando il suolo e sostenendo la biodiversità.
  • I complessi agrivoltaici sono estese strutture fotovoltaiche che si integrano con pratiche agricole, spesso in terreni di minor valore o inadatti all’agricoltura convenzionale. Queste strutture promuovono una produzione energetica rinnovabile su ampia scala, pur incentivando una gestione terriera eco-compatibile.

SFIDE

Nonostante il grande potenziale, l’agrivoltaico presenta anche alcune sfide. È essenziale che l’installazione dei pannelli non comprometta la crescita delle colture. Studi e ricerche sono in corso per determinare le configurazioni ottimali e le migliori specie da coltivare in combinazione con il fotovoltaico. L’infrastruttura richiesta può rappresentare un investimento significativo per gli agricoltori. Tuttavia, con incentivi governativi e soluzioni di finanziamento adeguate, questa barriera potrebbe essere superata.

IL FUTURO

L’agrivoltaico rappresenta un interessante punto d’incontro tra tradizione e innovazione in Italia. Mentre il Paese prosegue nella sua transizione verso un futuro più verde e sostenibile, soluzioni come questa offrono una visione ottimistica di ciò che potrebbe essere il paesaggio agricolo del domani.

Le risorse naturali dell’Italia, combinate con l’ingegno e l’innovazione, sono la formula perfetta per una rivoluzione verde che potrebbe vedere l’Italia come protagonista nel panorama agrivoltaico globale. Se gestito correttamente, l’agrivoltaico potrebbe riscrivere il libro sull’agricoltura sostenibile, dimostrando che c’è effettivamente un modo per coltivare il nostro futuro, alimentato dal sole.

Quando i “geni” lavorano insieme: Gates & Musk per una nuova rete elettrica

Le aziende elettriche più influenti del settore energetico si sono riunite alla conferenza 2023 dell’Edison Electric Institute (EEI) lo scorso giugno, insieme ad analisti del settore, funzionari governativi e innovatori tecnologici, per tracciare il percorso verso un futuro senza emissioni di carbonio.

Il dibattito si è incentrato sulla necessità di tecnologie avanzate per supportare una rete elettrica affidabile e conveniente, in vista della modernizzazione della rete, per la ricarica dei veicoli elettrici e la digitalizzazione delle utility.

Bill Gates e Elon Musk, insieme, per una nuova rete elettrica

Gli interventi di Bill Gates ed Elon Musk hanno sottolineato l’obbligo di costruire una rete più solida a fronte dell’elettrificazione di massa. Tuttavia, riflettendo sui ragionamenti più importanti di EEI 2023, ritornano in mente quelli che si sono concentrati su come possiamo effettivamente realizzare una rete di energia pulita dal basso verso l’alto e su cosa questo significhi per i clienti.

Due sono i feed-back che le aziende elettriche possono trarre per realizzare una rete resiliente e più pulita: massimizzare le risorse finanziarie investendo nei programmi con il maggiore impatto potenziale e sfruttare le tecnologie emergenti per supportare l’afflusso di risorse energetiche distribuite (DER) sulla rete.

Preparare la rete per un futuro completamente elettrico

Il trend dell’elettrificazione sta rapidamente accelerando nella spinta a ridurre le emissioni di anidride carbonica, dagli elettrodomestici agli attrezzi per il giardinaggio, dai veicoli elettrici alle attrezzature industriali. Rivolgendosi al pubblico dell’EEI, Musk ha spiegato che il fabbisogno di energia elettrica sarà estremamente elevato – più di quanto possiamo immaginare – e se da un lato questa è una buona notizia per le aziende elettriche che la producono, dall’altro lo sforzo necessario per soddisfare la domanda sarà enorme.

Per costruire una rete del futuro in grado di sostenere nuovi livelli di domanda, le aziende elettriche devono fare due cose: ottimizzare le attuali strategie di gestione della rete e introdurre nuove fonti di energia pulita come il solare, l’eolico e l’idroelettrico.

L’ottimizzazione della rete attuale coinvolge l’investimento in tecnologie che migliorino la gestione della rete – come integrare l’uso dell’intelligenza artificiale per analizzare i dati dei contatori intelligenti o il software telematico per monitorare, ad esempio, la ricarica dei veicoli elettrici.

Quando Gates ha parlato delle nuove innovazioni in materia di trasmissione, infrastruttura e produzione, ha anche parlato delle sfide che ci attendono per l’aspetto previsionale. E’ fondamentale dotarsi di previsioni accurate sulla rete per fornire la giusta quantità di energia al momento giusto.

Una “cabina di regia” per la nuova era dell’energia

La costruzione di una rete più forte e più resistente, soprattutto con l’aumento dell’elettrificazione, è un obiettivo strategico. Ora è sfidante osservare come il resto del mondo sia coinvolto più attivamente nella distribuzione di energia pulita e in una gestione più intelligente dell’energia.

In effetti, l’aspetto più stimolante può essere la semplice immagine di una cabina di regia con centinaia di leader di utility, responsabili politici e investitori che lavorano in sintonia per risolvere una delle sfide più urgenti di oggi: dare nuova energia al pianeta (e subito!).

Domani ci sarà posto per tutti sulla Terra?

Il 15 novembre 2022 la popolazione mondiale ha raggiunto l’imponente cifra di otto miliardi. Solo nel 1974 era di quattro miliardi. Ma c’è “posto” per tutti sulla Terra? L’accelerazione demografica, combinata con il Climate Change, può provocare la madre di tutte le crisi. Ecco perché.

I due volti (poco belli) della crescita demografica

La crescita demografica senza precedenti rispetto al passato (ben un miliardo di persone dal 2010) è dovuta al graduale aumento della durata della vita umana grazie ai miglioramenti nella salute pubblica, nell’alimentazione, nell’igiene personale e nella medicina. Ma è anche il risultato di due forze opposte.

Da una parte i Paesi più poveri sono quelli con la maggior crescita demografica

È anche il risultato di livelli elevati di fecondità in alcuni Paesi che, secondo l’Onu, hanno il reddito pro capite più basso. Pertanto, la crescita della popolazione mondiale si è nel tempo concentrata nei Paesi più poveri del mondo, la maggior parte dei quali si trova nell’Africa subsahariana. I Paesi a reddito medio e medio alto hanno contribuito all’ottavo miliardo con 250 milioni di persone. Quando si aggiungerà il prossimo miliardo di persone tra il 2022 e il 2037, secondo un paper di Un-Desa saranno i Paesi a basso e medio reddito a rappresentare oltre il 90% della crescita globale.

Dall’altra i Paesi più sviluppati sono in piena crisi demografica: vedi il Giappone

La situazione opposto è altrettanto emblematica. In Giappone si chiudono le scuole per mancanza di alunni (nell’ultimo ventennio sono stati chiusi in media 450 istituti scolastici all’anno): tutta colpa del calo demografico, che ha portato allo spopolamento delle aree rurali e dei piccoli centri. La chiusura degli istituti scolastici è uno dei sintomi più evidenti del calo delle nascite che interessa il Giappone da decenni. Iniziata verso la fine degli anni ’70, la flessione demografica nel Paese ha raggiunto livelli record, registrando nel 2022 meno di 800mila nascite, minimo storico per l’arcipelago.

Oltre il futuro: una visione per il 2050

Si stima che entro il 2050 vivranno sulla terra 10 miliardi di persone. Come faremo a garantire a tutti i bisogni primari, evitando al contempo i peggiori impatti del cambiamento climatico? In un discorso ricco di arguzia e saggezza, il giornalista scientifico Charles C. Mann analizza le soluzioni proposte e scopre che le risposte si dividono in due campi: i maghi e i profeti, offrendo al contempo la propria opinione sul percorso migliore per la sopravvivenza.

Ecco il suo TedTalk:

 

C’è davvero posto per tutti sulla Terra?

L’ecologo delle popolazioni William Rees, della University of British Columbia’s School of Community and Regional Planning, ricorda agli abitanti della Terra che il pianeta può ospitare solo un numero limitato di persone. Nel suo articolo pubblicato sulla rivista World, sottolinea che nel corso degli anni sono stati sviluppati molti modelli che dimostrano che solo un certo numero di animali (come i ratti) può vivere in un determinato ambiente: tutti mostrano che a un certo punto si verifica una correzione della popolazione.

Nel 1947, l’etologo John B. Calhoun condusse alcuni esperimenti di densità sui ratti in recinti all’aperto, dando a ogni colonia tutto ciò di cui aveva bisogno per sopravvivere, tranne lo spazio aggiuntivo: non c’erano predatori. Immancabilmente, i ratti si riproducevano fino a quando non riuscivano a sopravvivere nello spazio limitato che veniva loro concesso – si verificavano correzioni della popolazione – e in alcuni casi nessuno dei ratti sopravviveva.

Gli esperimenti successivi con altri animali hanno dimostrato più o meno la stessa cosa e questo ha portato i più esperti a concludere che un giorno gli esseri umani si troveranno nella stessa situazione. È proprio questo che Rees sottolinea nel suo articolo.

(Nota: la fauna animale è in forte declino)

Una nuova ricerca ha scoperto che i “cali demografici sostenuti” tra le popolazioni animali sono più allarmanti di quanto si pensasse in precedenza. Cosa fare per invertire la tendenza alla minaccia di estinzione? Anche la lotta al cambiamento climatico è fondamentale per il futuro degli animali. I ricercatori hanno scoperto che, delle oltre 71.000 specie analizzate – tra mammiferi, uccelli, anfibi, rettili e pesci -, il 48% sta subendo un declino della popolazione, mentre il 49% è stabile e solo il 3% è in crescita. La perdita di fauna selvatica è “una delle sindromi più allarmanti dell’impatto umano”, secondo un nuovo studio pubblicato su Biological Reviews.

Dal boom demografico all’anti-boom (ma non tutto è perso)

Rees osserva che ci sono già segni di stress dovuti alla sovrappopolazione: il pianeta si sta riscaldando e le risorse critiche sono a rischio, come la disponibilità di combustibili fossili, cibo e acqua. Inoltre, si nota che molti dei cicli della Terra sono stati perturbati, come i modelli meteorologici e il ciclo globale dei nutrienti.

L’insieme di questi elementi suggerisce che il pianeta Terra si sta dirigendo verso un’importante correzione della popolazione, forse prima della fine di questo secolo. Tale correzione, osserva, comporterebbe una drastica riduzione della popolazione umana. Aggiunge che tale riduzione potrebbe avvenire in uno o più modi, attraverso guerre, carestie, instabilità degli habitat o malattie.

Se rallentiamo drasticamente la crescita della popolazione, freniamo il riscaldamento globale e affrontiamo alcuni degli altri problemi che abbiamo creato, suggerisce, la razza umana potrebbe sopravvivere fino a quando qualche altro evento fuori dal nostro controllo non ci ucciderà. Il primo passo, suggerisce, è riconoscere i problemi. Da lì, la pianificazione e l’innovazione potrebbero portare a soluzioni realistiche.

Ma… questa “correzione” sarà frutto di una spontanea e fruttuosa cooperazione pacifica su scala globale? Sembra un happy end da favole di una volta. Forse servirà un atto di coercizione? Più probabile, tipo politiche demografiche stringenti e penetranti. Suona poco liberale. Ma quando sei il tuo pianeta è in crisi…

 

Vuoi saperne di più? Ecco i libri più attuali su questo tema:

 

  1. The Global Demographic Transition: The Future of Population Growth, Aging, and Urbanization di John Bongaarts e Michael S. Lutz

Questo libro, pubblicato nel 2011, esamina le tendenze demografiche globali che stanno plasmando il mondo di oggi e di domani. Bongaarts e Lutz sostengono che la popolazione mondiale raggiungerà il picco di 9,7 miliardi di persone nel 2064 e poi inizierà a diminuire. La popolazione invecchiata sarà una delle sfide più grandi che il mondo dovrà affrontare nel XXI secolo.

  1. The Demographics of Change: How Age Structure Affects the Economy, Society, and Politics di David Bloom, David Canning e Jaypee Sevilla

Questo libro, pubblicato nel 2013, esplora l’impatto delle tendenze demografiche sulle economie, le società e le politiche dei paesi in tutto il mondo. Bloom, Canning e Sevilla sostengono che le popolazioni invecchiate stanno mettendo a dura prova i sistemi pensionistici e sanitari di molti paesi.

  1. The Age of Aging: How Demography is Changing Our World di James Vaupel e Anne Skirbekk

Questo libro, pubblicato nel 2011, esamina il fenomeno dell’invecchiamento della popolazione e le sue implicazioni per la società. Vaupel e Skirbekk sostengono che l’invecchiamento della popolazione è una delle tendenze demografiche più importanti del XXI secolo.

  1. The Age of Population Decline: The Coming Economic Slump and How to Avoid It di David Goldman

Questo libro, pubblicato nel 2011, sostiene che la popolazione invecchiata porterà a un crollo economico. Goldman sostiene che le economie invecchiate non saranno in grado di crescere in modo sostenibile e che questo porterà a una serie di problemi, tra cui la disoccupazione, la povertà e la guerra.

  1. The Next 100 Years: A Forecast for the 21st Century di George Friedman

Questo libro, pubblicato nel 2009, esamina le tendenze demografiche globali e le loro implicazioni per il futuro. Friedman sostiene che la popolazione mondiale raggiungerà il picco di 9,7 miliardi di persone nel 2064 e poi inizierà a diminuire. La popolazione invecchiata sarà una delle sfide più grandi che il mondo dovrà affrontare nel XXI secolo.

Gli effetti del cambiamento climatico sul mondo aziendale: una prospettiva scientifica

Il cambiamento climatico, causato principalmente dall’accumulo di gas serra nell’atmosfera dovuto alle attività umane, sta portando a modifiche significative del clima terrestre. Questi cambiamenti, che includono l’aumento delle temperature medie, l’innalzamento del livello del mare e la modifica dei regimi di precipitazione, hanno ripercussioni non solo sulle comunità e sugli ecosistemi, ma anche sul mondo aziendale. Questo articolo esplora in modo scientifico e dettagliato gli effetti del cambiamento climatico sulle aziende.

Rischi fisici

Il cambiamento climatico può avere un impatto diretto sulle aziende attraverso ciò che vengono chiamati rischi fisici. Questi includono eventi climatici estremi come inondazioni, tempeste, siccità e ondate di calore, che possono danneggiare le infrastrutture aziendali, interrompere le catene di approvvigionamento e ridurre la produttività dei lavoratori. Ad esempio, un aumento delle temperature può rendere meno efficienti le attività industriali che dipendono dal raffreddamento, come la produzione di energia elettrica o il settore dei semiconduttori.

Rischi di transizione

Oltre ai rischi fisici, le aziende devono affrontare anche i rischi di transizione legati al cambiamento climatico. Questi sono i rischi associati alla transizione verso un’economia a basso contenuto di carbonio, e includono cambiamenti nelle politiche climatiche, innovazioni tecnologiche e cambiamenti nel comportamento dei consumatori. Ad esempio, le aziende che dipendono pesantemente dai combustibili fossili potrebbero vedere una diminuzione del valore a causa dell’introduzione di tasse sul carbonio o di normative più severe sulle emissioni di gas serra.

Nel contesto del cambiamento climatico, i rischi di transizione sono legati ai cambiamenti che si verificano nel passaggio da un’economia basata su combustibili fossili ad una economia a basse emissioni di carbonio. Questi rischi possono manifestarsi in vari modi e avere impatti significativi sul valore e sulle operazioni delle aziende. Ecco alcuni dei principali rischi di transizione:

1. Rischi Legislativi e Regolatori

Questi rischi sono legati ai cambiamenti nelle leggi e nelle politiche relative al clima. Ad esempio, l’introduzione di una tassa sul carbonio o di regolamenti più rigorosi sulle emissioni di gas serra potrebbe aumentare i costi operativi per le aziende che dipendono pesantemente dai combustibili fossili. Allo stesso tempo, i sussidi per i combustibili fossili potrebbero essere ridotti o eliminati, mentre le energie rinnovabili potrebbero beneficiare di incentivi maggiori.

2. Rischi di Mercato

I rischi di mercato si riferiscono ai cambiamenti nella domanda e nell’offerta di beni e servizi causati dal cambiamento climatico e dalle politiche climatiche. Ad esempio, la domanda di combustibili fossili potrebbe diminuire a causa dell’aumento della consapevolezza del cambiamento climatico e del desiderio di ridurre le emissioni di carbonio. Allo stesso tempo, la domanda di energie rinnovabili e di tecnologie a basse emissioni di carbonio è destinata ad aumentare.

3. Rischi Tecnologici

I rischi tecnologici sono legati all’innovazione e all’adozione di nuove tecnologie a basse emissioni di carbonio. Ad esempio, le aziende che non riescono a mantenere il passo con l’innovazione tecnologica o a investire in nuove tecnologie possono perdere la loro competitività. Al contrario, le aziende che sono in grado di sfruttare le nuove tecnologie possono ottenere un vantaggio competitivo.

4. Rischi di Reputazione

I rischi di reputazione sono legati alla percezione del pubblico delle azioni di un’azienda in relazione al cambiamento climatico. Le aziende che non si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas serra o che non rispettano le normative ambientali possono subire danni alla loro reputazione, che possono influenzare negativamente le vendite e la fiducia degli investitori.

Per mitigare questi rischi, le aziende devono sviluppare strategie di transizione al clima che includano l’adattamento ai cambiamenti legislativi e regulatori, l’innovazione tecnologica, l’adattamento alle mutevoli dinamiche di mercato e la gestione della reputazione. Questo può includere l’investimento in energie rinnovabili, l’adozione di pratiche più sostenibili, la riduzione dell’impronta di carbonio e l’implementazione di strategie di comunicazione efficaci per coinvolgere e informare i clienti e gli investitori.

Opportunità

Nonostante i rischi, il cambiamento climatico presenta anche opportunità per le aziende. Queste includono la possibilità di innovare, di accedere a nuovi mercati e di migliorare la reputazione aziendale. Ad esempio, le aziende che sviluppano tecnologie per l’energia rinnovabile o per l’efficienza energetica possono beneficiare di un aumento della domanda per queste soluzioni. Allo stesso modo, le aziende che adottano pratiche sostenibili possono attrarre consumatori e investitori sempre più attenti al clima.

Adattamento e resilienza

Per affrontare gli effetti del cambiamento climatico, le aziende devono sviluppare strategie di adattamento e resilienza. Queste possono includere la rilocalizzazione di infrastrutture critiche in aree meno esposte ai rischi climatici, la diversificazione delle catene di approvvigionamento per ridurre la dipendenza da aree vulnerabili, l’implementazione di pratiche di gestione dell’acqua e dell’energia più efficienti, e l’investimento in tecnologie innovative.

Le vecchie miniere diventano centrali geotermiche

Le vecchie miniere rappresentano un’opportunità unica per la produzione di energia rinnovabile. Queste strutture, una volta esaurite o abbandonate, possono essere riconvertite in impianti di produzione di energia rinnovabile, sfruttando la loro infrastruttura esistente e il loro spazio. Questo articolo esplora dettagliatamente come avviene questa trasformazione.

Centrali idroelettriche sotterranee

Un modo per riconvertire le vecchie miniere è trasformarle in centrali idroelettriche sotterranee. Questo approccio sfrutta il dislivello tra i vari livelli della miniera per generare energia. L’acqua viene immagazzinata nei livelli superiori durante i periodi di bassa domanda e rilasciata ai livelli inferiori durante i periodi di alta domanda, azionando delle turbine che producono energia elettrica. Questo sistema, noto come stoccaggio di energia in pompa idraulica, funziona come una grande batteria, permettendo di immagazzinare energia in eccesso e rilasciarla quando necessario.

Impianti solari e eolici

Le vecchie miniere a cielo aperto offrono ampie superfici che possono essere utilizzate per installare pannelli solari o turbine eoliche. Questi impianti possono generare grandi quantità di energia rinnovabile, contribuendo alla riduzione delle emissioni di CO2. Inoltre, l’uso di queste aree già sfruttate limita l’impatto ambientale associato alla costruzione di nuovi impianti.

Stoccaggio di energia

Oltre alla produzione di energia, le vecchie miniere possono essere utilizzate anche per lo stoccaggio di energia. Per esempio, possono essere utilizzate per lo stoccaggio di energia termica, immagazzinando calore durante l’estate per rilasciarlo durante l’inverno. Inoltre, alcune tecnologie emergenti stanno esplorando l’uso delle miniere per lo stoccaggio di energia chimica, ad esempio attraverso l’uso di batterie di grande dimensione.

Le centrali geotermiche

Alcune vecchie miniere possono essere utilizzate per la produzione di energia geotermica. Le profondità delle miniere possono raggiungere strati della terra con temperature elevate, che possono essere utilizzate per produrre vapore. Questo vapore può poi azionare delle turbine per generare elettricità. Inoltre, l’acqua calda prodotta può essere utilizzata per il riscaldamento di edifici o per altri usi industriali.

Una centrale geotermica è un tipo di impianto di produzione di energia che sfrutta il calore naturale della Terra per generare elettricità. Questo calore proviene dal decadimento naturale di elementi radioattivi all’interno della crosta terrestre e dal calore residuo della formazione del pianeta.

Funzionamento di una centrale geotermica

Il funzionamento di una centrale geotermica è basato sul principio di sfruttamento del calore interno della Terra. Questo viene fatto attraverso pozzi di profondità variabile (a seconda della tecnologia geotermica utilizzata), che permettono l’accesso alle acque sotterranee riscaldate dalla Terra.

Ci sono tre tipi principali di centrali geotermiche: a vapore secco, a vapore flash e a ciclo binario.

  • Centrali a vapore secco: Questo è il tipo più antico di centrale geotermica e si basa su pozzi che accedono a sorgenti di vapore naturale, che vengono utilizzate per azionare direttamente una turbina. Queste centrali sono oggi piuttosto rare, perché richiedono condizioni geotermiche molto specifiche.
  • Centrali a vapore flash: Queste centrali utilizzano acque ad alta temperatura (superiore a 180°C). L’acqua viene fatta salire in superficie attraverso i pozzi, e la diminuzione di pressione fa “lampeggiare” una parte dell’acqua in vapore, che viene utilizzato per azionare la turbina. L’acqua non vaporizzata viene reimmessa nel sottosuolo attraverso un pozzo di reiniezione.
  • Centrali a ciclo binario: Queste centrali sono le più comuni oggi e possono utilizzare acque a temperature più basse (da 85°C a 180°C). L’acqua calda viene fatta passare attraverso uno scambiatore di calore, dove trasferisce il suo calore a un fluido con un punto di ebollizione più basso (come l’isobutano o il pentano). Questo fluido vaporizza e aziona la turbina, mentre l’acqua geotermica viene reimmessa nel sottosuolo.

Vantaggi e Sfide della Geotermia

L’energia geotermica ha diversi vantaggi significativi. È una fonte di energia rinnovabile e sostenibile, non produce emissioni dirette di gas serra e offre un approvvigionamento di energia stabile e affidabile, indipendente dalle condizioni meteorologiche o stagionali.

Tuttavia, ci sono anche diverse sfide associate all’energia geotermica. La costruzione di una centrale geotermica richiede un investimento iniziale significativo, e l’efficienza della centrale può essere influenzata dalla geologia locale. Inoltre, se non gestite correttamente, le attività geotermiche possono causare sismicità indotta e problemi di qualità dell’acqua.

Nonostante queste sfide, l’energia geotermica rappresenta una risorsa importante per la transizione energetica verso un sistema energetico più sostenibile e a basse emissioni di carbonio. La ricerca e lo sviluppo continuano a migliorare le tecnologie geotermiche, rendendole più efficienti, più economiche e più sicure. Con la giusta gestione, la geotermia ha il potenziale per fornire una parte significativa del nostro mix energetico futuro.